Ultima modifica: 15 Dicembre 2018

Progetti/attività

Anno scolastico 2018/2019 

Progetti di plesso “CreAttivaMente”
“La scuola in tasca”
“Videogiochi, cellulari e social network”
“Cantatutti”
“Carnevale”
“Sport”
“Educazione stradale”
“Biblioteca”
“Storia Locale”

    

  1. PEOP Primaria Trobaso 2018 2019
    Titolo: PEOP Primaria Trobaso 2018 2019
    Dimensione: 4 MB

Progetto CreAttivaMente

Responsabili: Casile Marianna, Falcicchio Tiziana, Patti Luisa

Finalità/Motivazioni

Condividere un obiettivo comune e collaborare per la realizzazione dello stesso, creare un ponte di conoscenza e collaborazione tra la scuola e il territorio. Sviluppare un’identità di plesso e un clima di appartenenza da parte della componente dei docenti e degli alunni, oltre il gruppo classe.

Risultati attesi/Obiettivi

Oltre agli obiettivi specifici legati all’apprendimento della musica, dell’arte e dell’educazione fisica, saper scoprire aspetti degli altri e stabilire relazioni, controllare le emozioni, sviluppare atteggiamenti di collaborazione, cooperazione e rispetto; interagire con i coetanei e con gli adulti in maniera positiva, conoscere le regole e comportarsi in modo tale da promuovere un clima di benessere generale.

Partecipazione ad eventi durante i quali saranno presentati i canti imparati:

  • Festa di inizio anno “Castagnata” in collaborazione con l’associazione “MI e Ti” e la Parrocchia di Trobaso.
  • Concerto di Natale della scuola presso la chiesa parrocchiale di Trobaso

Inoltre ci saranno due eventi laboratoriali gestiti in verticale, con gruppi eterogenei che lavoreranno con coppie di insegnanti diversi dai propri. Il primo laboratorio si svolgerà nel primo quadrimestre e sarà incentrato sul tema natalizio, il secondo nel secondo quadrimestre con tema ancora da definire. Peculiarità specifiche di questi momenti saranno la didattica incentrata sul fare per apprendere e sulla cooperazione.

Destinatari

Tutti gli alunni della scuola

Tutti i genitori e gli abitanti del paese

Descrizione sintetica del percorso/Articolazione attività

Per quanto riguarda la castagnata essa avrà una finalità benefica poiché sarà svolta in collaborazione con l’associazione “Mi e Ti” e la parrocchia di Trobaso; alcuni volontari, insieme agli insegnanti, organizzeranno giochi che proporranno ai bambini nel pomeriggio; altri volontari si dedicheranno alla preparazione delle castagne. I genitori saranno invitati a partecipare e le offerte che verranno raccolte saranno devolute al gruppo volontari “S. Vincenzo” di Trobaso”.

Per il progetto Coro, le canzoni scelte saranno presentate agli alunni dalle insegnanti di classe; successivamente l’insegnante Patti collaborerà con le insegnanti, prima a livello di singole classi e poi a livello di plesso, per unire le voci in un solo coro.

Per quanto riguarda i laboratori, ai bambini saranno proposti dieci laboratori con contenuti differenti, tenuti da coppie di docenti inedite; saranno i bambini a scegliere a quale laboratorio iscriversi. Gli insegnanti potranno essere coadiuvati in queste attività dal supporto di nonni e familiari esperti.

Verifiche

Osservazione in itinere e durante i momenti di condivisione in merito agli obiettivi sopra elencati.
Schede di osservazione in fase di redazione.
Autovalutazione degli alunni.

Documentazione

Foto, video, prodotti dei laboratori.

Mostra dei manufatti aperta anche ai genitori.

torna ad inizio pagina

Progetto “La scuola in tasca”

Responsabili: Laura Lanteri, Dario Minoia

Finalità e motivazioni

Coinvolgere direttamente gli alunni nella redazione di un giornale attraverso le tecnologie informatiche; creare comunicazione tra scuola e famiglia portando verso l’esterno la voce, le attività e la vita della scuola; stimolare dall’esterno un contributo alla crescita culturale della scuola.

 Risultati attesi, obiettivi, descrizione sintetica del percorso, articolazione attività

L’esperienza della pubblicazione di un giornale di plesso sta diventando ormai una tradizione poiché è in corso da vent’anni scolastici, con la stampa e la pubblicazione di 2 numeri che raccolgono ciascuno le esperienze più significative svolte nel corso dei 2 quadrimestri (di circa 250 copie ciascuno). Ha ottenuto gradimento da parte di alunni, genitori e insegnanti come è emerso anche dal sondaggio svolto alla fine dello scorso anno scolastico. Si intende quindi proseguire l’esperienza. I materiali da pubblicare verranno redatti nelle singole classi e tratteranno di contenuti relativi alla programmazione di classe e di plesso.

Destinatari

Alunni e genitori del plesso, insegnanti.

Metodologia

I materiali da pubblicare verranno redatti nelle singole classi e tratteranno di contenuti relativi alla programmazione di classe.

Si programma indicativamente la pubblicazione di due numeri (Dicembre, Maggio).

Gli insegnanti collaboreranno alla raccolta del materiale da pubblicare, condividendo eventuali proposte originali utili per la realizzazione del giornalino.

Verifiche e documentazione

Alcune copie del giornale e gli originali stessi verranno conservati nel plesso. Il tutto verrà memorizzato in un computer del laboratorio di informatica. È prevista inoltre, come da alcuni anni, la pubblicazione nel sito dell’istituto di alcuni numeri contenenti articoli significativi che caratterizzano l’identità e la storia del nostro plesso. La richiesta e l’apprezzamento da parte dell’utenza della copia del giornalino saranno di per sé stesse un metodo di verifica. Alla pubblicazione dell’ultimo numero verrà inserita una scheda di verifica del gradimento (come fatto in passato).

torna ad inizio pagina

Progetto ” Videogiochi, cellulari e social network”

Responsabile: Cinzia Morisetti

Finalità e motivazioni

Offrire strumenti per approfondire il ruolo svolto dai media e dai new media nella produzione non solo di immagini, ma anche di un immaginario collettivo e di rappresentazioni simboliche, sociali e culturali che possono avere una notevole influenza nei processi di apprendimento e di crescita dei bambini.

Risultati attesi, obiettivi, descrizione sintetica del percorso, articolazione attività

  • Rendere consapevoli rispetto alla centralità delle immagini audiovisive e dei new media nel contesto contemporaneo, con particolare attenzione all’impatto di questi linguaggi/strumenti sui bambini;
  • fornire le competenze di base per gestire nelle classi attività complementari e di approfondimento sulle pertinenze tematiche, narrative e comunicative dei formati audiovisivi e dei new media, stimolando percorsi didattici con l’uso delle immagini;
  • fornire le competenze per stimolare successivamente nelle classi percorsi con l’uso delle immagini, per trasformare la passività delle visioni in attività educativa e ludica;
  • promuovere l’acquisizione di un bagaglio esperienziale per costruire con gli allievi riflessioni critiche che vadano a implementare la consapevolezza sul loro rapporto con le immagini e con un uso più “ragionato” di telefoni cellulari e videogiochi.

Destinatari

Alunni delle classi quinte

Metodologia

Verrà utilizzata una metodologia attiva con l’utilizzo di tecniche quali il brainstorming, la scelta individuale di immagini fisse, la risposta individuale a brevi quesiti, la costruzione di brevi storie per immagini, l’analisi di frammenti audiovisivi, soprattutto in piccolo gruppo.

Descrizione sintetica del percorso e articolazione attività

Le attività pratiche saranno seguite da confronti costanti con i formatori.

Verranno sviluppati 3 argomenti scansionati in 3 unità di lavoro

Modulo 1:

– Media Education e Promozione della salute: definizioni, punti di contatto, obiettivi condivisi, i new media come risorsa integrale per la formazione.

– Analisi e conoscenza delle modalità comunicative dei prodotti audiovisivi destinati ai ragazzi o da essi fruiti: cartoni animati, film, spot, videoclip

– Esplorazione delle nuove modalità comunicative promosse ed utilizzate dai new media quali videogiochi, cellulari, internet

– Come utilizzare i new media a scuola: possibili “oggetti di lavoro”, obiettivi maggiormente funzionali, competenze da sviluppare.

– Stimolare il senso critico e la consapevolezza nell’utilizzo dei media.

Modulo 2:

– Esercitazioni pratiche di conduzione di incontri secondo la metodologia attiva proposta nel modulo 1.

– Sperimentazione concreta di alcuni percorsi già realizzati con gli audiovisivi con bambini e ragazzi della scuola primaria di secondo grado.

Modulo 3:

interventi nelle classi: aspetti organizzativi, eventuali ulteriori sperimentazioni…

– Presentazione degli strumenti di verifica del percorso nelle classi (osservazione, questionari…).

– Valutazione del corso con raccolta di ulteriori esigenze formative e di approfondimento

Verifiche

Somministrazione di: test in ingresso, itinere e finali con questionario di gradimento a ogni singolo alunno

Documentazione

Produzione di elaborati su: videogiochi, cellulari, social network

Rapporti con le Istituzioni

Regione Piemonte (Assessorati alla Salute e Istruzione) e Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca (Ufficio Scolastico Regionale). Il documento sancisce l’impegno congiunto per la Promozione e l’Educazione alla Salute nella scuola, Asl di Biella.

 torna ad inizio pagina 

Progetto “Cantatutti”

Responsabile: Luisa Patti

Finalità e motivazioni

  • Sensibilizzare le scuole al valore educativo dell’attività musicale e corale
  • Favorire lo sviluppo del senso del gruppo e costruzione dell’insieme
  • Sviluppare la capacità di cantare in sincronia e di intonare e cantare con precisione melodica e ritmica

Risultati attesi

Raggiungere un’organizzazione scolastica tale da consentire la formazione di un coro scolastico stabile.

Realizzazione di un concerto rivolto alle famiglie

Obiettivi

  • Educazione all’orecchio e vocalità di base
  • Apprendimento di semplici canti a una voce
  • Primi semplici canti a più voci
  • Disciplina corale
  • Affinamento dell’ascolto
  • Studio e concertazione di un semplice repertorio corale

Descrizione sintetica del percorso

Il progetto ha durata triennale ed è giunto all’ultimo anno; prevede moduli di 36 ore di insegnamento da parte di un esperto dell’associazione “Cantascuola”, durante i quali gli alunni effettueranno un percorso corale e musicale, che culminerà nel concerto finale rivolo alle famiglie.

Articolazione attività

Il progetto avrà inizio nel mese di gennaio 2019 e terminerà nel mese di giugno 2019 e seguirà la seguente organizzazione:

tutti i martedì pomeriggio a partire dal 8 gennaio

Primo gruppo formato da due sottogruppi, 1^A con 2^A e 1^B con 2^B, che si alterneranno e che quindi lavoreranno con l’esperto ogni due settimane, ma con gli stessi obiettivi e lo stesso repertorio; dalle ore 14,10 alle ore 14,50

Secondo gruppo formato dalle classi 3^,4^,5^ A dalle ore 14,55 alle 15,35

Terzo gruppo formato dalle classi 3^,4^,5^ B dalle ore 15,40 alle ore 16,20

Destinatari

Tutti gli alunni della scuola

Verifiche e documentazione

In itinere e al termine verranno valutati:

  • la partecipazione e l’interesse degli alunni
  • la professionalità e l’efficacia delle proposte dell’esperto

Al termine del progetto sarà realizzata una rappresentazione corale per i genitori, durante la quale verranno valutati i progressi raggiunti dagli alunni in merito alle abilità corali, musicali e di insieme.

Durante gli incontri e durante lo spettacolo finale verranno realizzati video e foto.

 torna ad inizio pagina

Progetto “Carnevale”

Responsabile: Cristina Trevisi

Finalità e motivazioni

Rivalutazione del carnevale quale “festa dei bambini” e momento di aggregazione sociale e sano divertimento.

Risultati attesi, obiettivi, descrizione sintetica del percorso, articolazione attività

Collaborazione tra classe e classe, collaborazione scuola/famiglia, interazione col territorio.

Sviluppo di creatività e fantasia.

Acquisizione di manualità.

Le singole classi, nell’ambito dei laboratori settimanali, ideeranno e realizzeranno costumi e scenografie utilizzando soprattutto materiali di recupero. Analoga attività verrà svolta da un gruppo di genitori che si ritroverà presso i locali scolastici in orario al di fuori delle ore di lezione; tale momento vedrà anche la partecipazione di ex genitori ed ex alunni.

La domenica di carnevale alunni, genitori e docenti parteciperanno alla sfilata nelle vie di Intra.

Destinatari

Classi seconda A, terze AeB, quarte AeB, quinte AeB

In fase di preparazione dei materiali l’utenza coinvolta è data dalle classi aderenti al progetto e dai genitori disponibili a collaborare alla preparazione dei costumi; nel momento della sfilata si auspica la partecipazione anche delle restanti classi, nella veste di spettatori.

Verifiche e documentazione

Gradimento da parte degli spettatori che ci vedranno sfilare.

Premio da parte del gruppo organizzatore in base alla classifica tra tutti i gruppi partecipanti alla sfilata.

Filmati e fotografie sia dei momenti di laboratorio, sia della sfilata stessa.

torna ad inizio pagina

Progetto “Sport”

Responsabile: Marialuisa Lo Monaco

Finalità e motivazioni:

  • Acquisire e perfezionare abilità motorie
  • Scoprire nel gioco e nello sport la possibilità di divertirsi

Risultati attesi, obiettivi, descrizione sintetica del percorso, articolazione attività:

  • Affinamento delle capacità senso-motorie, percettive, di equilibrio, di attenzione
  • Conoscenza ed applicazione delle principali regole di gioco-sport

Destinatari:

  • Classi prime: tennis, rugby, minibasket, gioco-sport, piscina.
  • Classi seconde: tennis, rugby, minibasket, scherma, atletica, gioco-sport, piscina (solo per la 2 A).
  • Classi terze: rugby, minivolley, minibasket, bocce, atletica, gioco-sport, piscina.
  • Classi quarte: rugby, minivolley, minibasket, tennis, bocce, atletica, gioco-sport, piscina.
  • Classi quinte: rugby, minivolley, minibasket, bocce, crossfit, gioco-sport (solo n°4 lezioni), piscina.

Metodologia:

  • Esercizi pratici con l’ausilio di esperti

Verifiche:

  • Ricaduta nel vissuto quotidiano

torna ad inizio pagina

Progetto “Educazione stradale

Responsabile: Claudio Molteni

Finalità e motivazioni
Il percorso vuole fornire agli alunni alcuni elementi fondamentali per misurare il grado di insicurezza sui loro percorsi quotidiani per incentivare gli spostamenti con conoscenza dei rischi e con maggiore autonomia.

Si vuole, inoltre, far acquisire la consapevolezza del fatto che nella circolazione stradale
emergono diversità fra esigenze individuali e collettive
è necessaria una armonizzazione delle varie istanze al fine di garantire la sicurezza della viabilità urbana
è necessaria l’osservanza delle regole stradali consente la sicurezza sulle strade urbane.

Risultati attesi, obiettivi, descrizione sintetica del percorso
Il percorso prevede alcuni interventi in classe ed uscite nei dintorni della scuola con i Vigili Urbani per:

sensibilizzare gli alunni e la cittadinanza al problema della velocità in area urbana
motivare al rispetto delle norme del codice stradale
individuare alcuni problemi della viabilità pedonale nella zona circostante la scuola
conoscere il comportamento previsto dal CdS per alcune tipologie di utenti stradali: pedone, passeggero su veicolo privato/su mezzo pubblico, ciclista, conducente verso il pedone individuare alcuni percorsi sicuri e funzionali per gli spostamenti come pedoni e come ciclisti all’interno del proprio quartiere /città / paese – creare le premesse per la messa in sicurezza
contribuire ad accrescere i comportamenti autonomi e sicuri dei bambini lungo alcune strade del proprio contesto urbano
acquisire un atteggiamento consapevole nei confronti delle norme che regolamentano il traffico
sensibilizzare le famiglie riguardo l’uso moderato dell’automobile per il percorso casa-scuola

Destinatari
Alunni e genitori delle classi seconde, quarte e quinte

Metodologia
Viene adottata una metodologia di lavoro che prevede in una prima fase il coinvolgimento dei bambini nelle attività di osservazione ed elaborazione dei dati raccolti. Contemporaneamente gli alunni sono preparati a diventare promotori dell’assunzione di comportamenti di sicurezza presso genitori e adulti significativi

Verifiche
Le verifiche si effettueranno in itinere con conversazioni e schede prefissate.

Rapporti con le Istituzioni
Vigili Urbani di Verbania

torna ad inizio pagina

Progetto: “Biblioteca”

Responsabile: Lorini Anna

Obiettivi

  • Collaborare con la biblioteca Civica Comunale, allo scopo di:
  • far conoscere a bambini e genitori le iniziative che essa offre.
  • Scoprire il piacere dell’ascolto
  • Scoprire il piacere della lettura
  • Comprendere l’importanza dell’utilizzo di strumenti presenti nella scuola o facilmente reperibili in biblioteca, allo scopo di ampliare le proprie conoscenze.
  • Utilizzare la biblioteca scolastica allo scopo di:
  • Sviluppare e sostenere nei bambini l’abitudine e il piacere di leggere e di apprendere nonché di usare le biblioteche per tutta la vita
  • Offrire opportunità per esperienze dirette di produzione ed uso dell’informazione per la conoscenza, la comprensione, l’immaginazione e il piacere
  • Sostenere tutti gli studenti nell’acquisizione e nella messa in pratica delle proprie capacità di valutazione e uso d’informazione, indipendentemente dalla forma, formato o mezzo
  • Organizzare attività che incoraggiano coscienza e sensibilità culturali e sociali
  • Promuovere la lettura nonché le risorse e i servizi della biblioteca scolastica, presso l’intera comunità scolastica
  • Integrare le conoscenze curricolari
  • Favorire le abilità di studio
  • Sviluppare attività di ricerca e uso di informazioni
  • Migliorare le competenze di lettura e scrittura

Destinatari:
Tutte le classi

Descrizione sintetica del percorso/Articolazione attività:

La responsabile dell’area dedicata ai bambini e ai ragazzi presso la Biblioteca Civica Ceretti, verrà nella biblioteca della nostra scuola e si renderà disponibile alle varie esigenze espresse dagli insegnanti di tutte le classi.

Porterà dei testi in multi copia che leggerà in due interventi settimanali, dando poi la possibilità agli alunni di completarne la lettura.

Ci sarà la possibilità di andare in Biblioteca con una visita guidata, per conoscere le varie sezioni, per imparare ad utilizzare il catalogo, per sapere il funzionamento della biblioteca.

Quindi, non si andrà in biblioteca solo per ascoltare storie, ma per scoprire l’importanza del luogo che rappresenta, come fonte di cultura, di aggregazione e di svago.

Infine, lo scopo del progetto sarà quello di sensibilizzare i genitori ad accedere alla biblioteca con i propri figli, per poter leggere loro delle storie, prendere in prestito dei libri e abituarli alla frequentazione del luogo, come abitudine.

All’interno della nostra biblioteca scolastica si attiveranno delle attività durante le quali gli alunni più grandi, potranno leggere semplici racconti ai più piccoli, coinvolgendoli con giochi di animazione alla lettura.

Verifiche:
Partecipazione degli alunni

Coinvolgimento dei genitori.

 torna ad inizio pagina

Progetto “Storia locale”

Responsabili: Casile Marianna, Saccà Elisabetta

Finalità/Motivazioni

Guidare i bambini a conoscere in modo diretto e giocoso il loro territorio attraverso la ricerca, l’indagine e l’esplorazione del luogo in cui vivono a partire dal loro paese, il territorio circostante.

Risultati attesi/Obiettivi

Obiettivi di classe terza

  • Individuare le tracce e usarle come fonti per produrre conoscenze sul territorio in cui si vive.
  • Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze
  • Rappresentare graficamente e verbalmente le attività, i fatti vissuti e narrati

Destinatari

Alunni classi terze (A e B)

Metodologia

Attraverso l’ascolto, il confronto e la ricerca sul campo, gli alunni avranno la possibilità di conoscere la realtà del territorio in cui vivono.

Descrizione sintetica del percorso/Articolazione attività

Confronto con gli esperti.

Uscite sul territorio con gli esperti.

Rielaborazione attraverso circle time.

Rappresentazioni grafiche sui temi trattati.

Pubblicazione materiale sul giornalino e sul sito.

Verifiche

Interesse da parte degli alunni

Restituzione in classe

Ricaduta metodologica in altri ambiti.

Documentazione

Foto, rappresentazioni grafico/pittoriche, presentazioni, pieghevoli

Rapporti con le Istituzioni

Supporto “esperte” dell’Associazione “La Gera”.

torna ad inizio pagina




Link vai su