Ultima modifica: 23 Gennaio 2019

Progetti/attività

Anno scolastico 2018/2019

Progetti di plesso Progetto educazione al suono e alla musica
Progetto coro classi 3^ e 4^
Progetto Piedibus
Progetto attività natatoria
Progetto COOP
Progetto continuità Biganzolo-Torchiedo
Progetto continuità scuola media
Progetto 8
Progetto 9
Progetto 10
Laboratori di plesso Lab. Taglia, cuci…crea
Lab. educazione alimentare
Lab. Pollice Verde
Lab. cinema
Lab. Bricolage

 

Progetto: “Educazione al suono e alla musica

Referente di progetto

Docente: Nives Cerutti

Docenti coinvolti

Docenti: Sara Bellorini (cl. 1^) – Debora Bottini (cl. 2^) – Michela Cerutti (cl. 4^)
Nives Cerutti (cl. 5^)

Esperti esterni coinvolti

Maestra Astrid Quintero Reyes

Classi coinvolte

Classi 1^ – 2^ – 4^ – 5^

Obiettivo Generale di Riferimento

Progettare e realizzare coreografie e musiche per lo spettacolo di fine anno scolastico

Finalità Formativa

Favorire la comprensione e l’utilizzo di vari linguaggi musicali

Obiettivi Specifici

  • Ascoltare, analizzare e rappresentare linguaggi musicali
  • Riconoscere e interpretare graficamente i suoni
  • Esprimersi con il corpo, la voce e strumenti musicali

Contenuti

Vengono esplicitati dettagliatamente i contenuti al termine della seguente scheda

Tempi

Venerdì mattina dalle 8,30 alle 12,30. Sono previsti 7 incontri di 4 ore, una per classe. Complessivamente 28 ore

Spazi

Aula di musica e palestra

Risultati attesi e verifica

Realizzazione di semplici arrangiamenti, orchestrazioni, canti e coreografie.

Si considera la verifica in itinere e la realizzazione dello spettacolo di fine anno.

Costi

A carico delle famiglie

METODOLOGIA D’INTERVENTO

L’Orff-Schulwerk è una metodologia di insegnamento della musica che nasce da una serie di esperienze didattiche avviate e spinte alla maturazione da Carl Orff.

Prima della nascita dello Schulwerk era già diffuso un nuovo metodo basato sulla relazione e l’importanza tra musica e movimento, il metodo Dalcroze (didatta e compositore svizzero). Orff, invece, teneva in particolare considerazione il fattore ritmico nella sua totalità, quindi la sua importanza nel movimento, nella voce e nella musica strumentale. Attraverso le sperimentazioni effettuate da Orff possiamo conoscere le caratteristiche fondamentali dello Schulwerk: la ricerca dell’elementarità e la metodologia pratica. Musica elementare è musica a misura di bambino, comprensibile e accessibile per esempio attraverso l’utilizzo della scala pentatonica. Per quanto riguarda la metodologia, Orff propose indicazioni e dati per poi classificarle e interpretarle, invece di imporle come teorie; d’altronde, come diceva Orff,

 

  « la musica per bambini nasce lavorando con i bambini e lo Schulwerk vuole essere stimolo per un proseguimento creativo autonomo; infatti esso non è definitivo, ma in continua evoluzione. »
   

Successivamente fu creato uno strumentario pensato per il raggiungimento dei nuovi scopi: strumenti a percussione ritmici (tamburi, tamburelli baschi, campanacci, triangoli, piatti, legnetti..) e strumenti a percussione melodici (glockenspiel, metallofoni e xilofoni) e fu creato del materiale popolare (detti, conte, filastrocche).

Lo Schulwerk oggi è diventato il mezzo attraverso il quale il bambino si avvicina alla musica “facendola”, usando mezzi da lui conosciuti e venendo incoraggiato a trovare un nuovo accesso a nuove esperienze musicali, sollecitando anche la sua fantasia. Lavorare attraverso l’approccio “Orff – Schulwerk” in definitiva vuol dire sviluppare l’ascolto, l’utilizzo della voce, del corpo e degli strumenti; non in ultimo si vogliono integrare all’interno del processo di formazione dell’individuo varie altre arti come il teatro, la letteratura, la pittura, la scultura. Nello stesso tempo viene sviluppata la sua formazione, generale, individuale e sociale: coordinazione motoria, fantasia, senso critico, inserimento nel gruppo, confronto non competitivo.

Più specificatamente, attraverso questo approccio, si vuol dare al bambino la possibilità di entrare in contatto con la musica con più attività e da più punti di partenza:

  • Con la Danza, il movimento, la body percussion, in una sola idea coinvolgere il corpo per “sentire fisicamente” la musica.
  • Con la Voce, in modo naturale, esplorando le diverse possibilità che abbiamo di emettere dei suoni, lavorando da un punto di vista sia individuale che di gruppo.
  • Con gli Strumenti, percussioni e barre in principal modo, creando ostinati, bordoni e melodie e sistemandoli in strutture, dando allo stesso modo libero sfogo alla fantasia dei bambini grazie all’improvvisazione mediante l’utilizzo della scala pentatonica.
  • Integrando le altre arti come la pittura, la letteratura, la scultura e soprattutto il teatro per far capire ai bambini come tutte queste arti possono convivere nello stesso momento.

 torna ad inizio pagina

Progetto: “Coro classi 3^ e 4^”

Referente di progetto

Docente: Vera Cardoletti e Michela Cerutti

Docenti coinvolti

Docenti: Vera Cardoletti e Michela Cerutti

Esperti coinvolti

Roberto Sgaria come consulente esperto

Classi interessate

3^ e 4^

Obiettivo Generale di Riferimento

  • Apprendimento dei canti a più voci con o senza l’accompagnamento musicale.
  • Esecuzione in pubblico del repertorio acquisito
  • Capacità di ampliare le proprie conoscenze e competenze a partire da quanto acquisito: trasferibilità e adattabilità delle competenze
  • Chironomia attiva e passiva

Finalità Formativa

  • Coesione ed inclusione.
  • Cantare in coro e conoscere le proprie potenzialità canore
  • Mettersi in gioco con alunni di altre classi
  • Conoscere ed accettare i propri limiti e le risorse dei compagni
  • Lavorare per migliorare le proprie capacità

Obiettivi Specifici

  • Saper ascoltare e ripetere suoni e sequenze di suoni, sequenze ritmiche e motorie
  • Il ritmo nelle sue varie accezioni: stagioni, … tempo musicale; Simbologia
  • Memorizzazione di parti, sequenze, frasi, ritmi, ostinati, movimenti
  • Eseguire la propria parte o sequenza ritmica e/o melodica indipendentemente dai compagni
  • Dal suono al colore al movimento
  • Collaborazione con enti esterni: Sacra Famiglia, Struttura R.S.A, partecipazione a concorsi e rassegne: ACP, …

Contenuti

  • Apprendimento di canti per imitazione: botta e risposta
  • Ascolto della propria voce. Indipendenza delle parti
  • Imparare a suonare il proprio corpo
  • Canoni ritmici e melodici
  • Composizione, esecuzione ed improvvisazioni ritmiche e vocali
  • Uso del corpo e dei colori in relazione alla musica
  • Fiaba musicale

Tempi

1 ora la settimana ripartita in due mezze ore il martedì dalle 15,30 alle 16,30

Spazi

Aula di musica o classi 3^ e 4^

Risultati attesi e Modalità di verifica

Esecuzione in pubblico del repertorio acquisito.

Capacità di cantare in coro; produzione di sinestesie; verifiche pratiche e produzioni artistiche

Materie interessate

Musica, matematica, sport, geografia, arte, motoria, italiano, altre lingue europee: inglese, tedesco,..

Costi

Euro 116,10 per le docenti Cardoletti e Michela Cerutti per n. 5 ore funzionali.
Costo orario euro 23,22

 torna ad inizio pagina

 

Progetto: “Piedibus”

Referenti di progetto

Docente: Nives Cerutti

Docenti coinvolti

Tutti i docenti del plesso

Esperti esterni coinvolti

Polizia Municipale

Classi interessate

Tutte le classi del plesso

Obiettivo Generale di Riferimento

Stimolare la riflessione etica ed ecologica e sollecitare l’attività pedonale  nel raggiungere e lasciare la scuola

Finalità Formativa

Sollecitare negli alunni l’assunzione di comportamenti consapevoli, con una valenza etica, civica, sociale, ambientale ed ecologica.

Obiettivi Specifici

  • Favorire la discussione di gruppo, sui temi dell’ambiente e dell’eco-compatibilità.
  • Ricercare soluzioni alla viabilità, per conquistare in un modo “Orgoglioso!” il territorio.
  • Sviluppare il senso d’appartenenza a un gruppo, che persegue uno scopo comune condiviso.
  • Partecipare consapevolmente alla gara scolastica, per accumulare il maggior numero di giorni da pedone.

Contenuti Tempi e Fasi di lavoro

  • Fase 1 – Prima settimana di scuola

Consegnato alle famiglie un depliant informativo. Con tutti gli alunni del plesso si ripercorrono le vie del Piedibus, da Biganzolo, da Zoverallo e da Antoliva. Vengono distribuiti a tutti gli alunni il giubbotto di sicurezza e la mantellina antipioggia con il logo dell’iniziativa. (Acquistati con il contributo del progetto regionale indetto lo scorso anno scolastico).

  • Fase 2 – Assicurazione ai genitori accompagnatori e contributo al nonno vigile

Con lo stesso contributo regionale viene stipulata l’assicurazione agli accompagnatori del Piedibus. Vengono consegnate le chiavi del cancello del giardino, a due genitori, per consentire il passaggio pedonale all’uscita della scuola.

Spazi

Plesso in generale

Modalità di verifica 

Osservazione quotidiana.

Costi

Materiale cartaceo e fotocopie a carico dell’Amministrazione Comunale.

 

torna ad inizio pagina

Progetto: “attività natatoria”

Referente di progetto

Docenti di tutte le classi di Educazione Motoria

Docenti coinvolti

Tutte le docenti di classe

Esperti coinvolti

Istruttori di nuoto operanti presso la piscina comunale di Verbania

Classi interessate

1^ – 2^ – 3^ – 4^ – 5^

Obiettivo Generale di Riferimento

Educare all’acquaticità e sviluppare efficaci tecniche di galleggiamento e di nuoto

Finalità Formativa

  • Sviluppare la competenza natatoria irrinunciabile in un territorio nel quale l’acqua è un elemento fondante
  • Sviluppare un apprendimento trasversale, con particolare riferimento agli ambiti di educazione alla salute e di comunicazione.
  • Rafforzare l’autostima conseguente all’apprendimento di una tecnica sportiva e al superamento di eventuali timori, spesso presenti nei bambini.

Obiettivi Specifici

  • Sviluppare l’autonomia nella gestione delle proprie cose e nella cura della propria persona
  • Apprendere le tecniche specifiche del galleggiamento e del nuoto
  • Partecipare attivamente all’attività di gruppo

Contenuti

Graduale proposta di approccio all’acqua e di potenziamento tecnico del nuoto

Tempi

8 lezioni di 40 minuti

Spazi

Piscina comunale di Verbania

Risultati attesi e Modalità di verifica

Verifica in itinere

Nel corso di cinque anni raggiungere l’apprendimento delle tecniche di nuoto fondamentali

Materie interessate

Educazione fisica

Costi

20,00 ogni bambino

 

Gestione degli alunni non frequentanti (permanentemente e/o occasionalmente):

  • Gli alunni che non aderiranno all’attività potranno se l’orario lo consente, posticipare l’entrata o anticipare l’uscita dalla scuola o rimanere a scuola affidati ad altre classi.
  • I bambini iscritti al corso che, per problemi di salute, occasionalmente non possono entrare in acqua, potranno recarsi in piscina con il gruppo classe o rimanere a casa per i medesimi motivi.
  • In caso di assenza, la lezione non potrà essere recuperata.

 torna ad inizio pagina

 

Progetto “COOP”

Referente di progetto

Ins.te Bellorini

Docenti coinvolti

Team docenti delle classi 1^ 2^ 4^

Esperti coinvolti

educatori coop

Classi interessate

1^- 2^ 4^

Obiettivo Generale di Riferimento

  • Esecuzione
  • Capacità di ampliare le proprie conoscenze alimentari

Finalità Formativa

  • Educazione al gusto, filiera produttiva, cibo e cultura lettura etichette
  • Favorire la comprensione di scelte consapevoli alimentari;

Obiettivi Specifici

GIOCANDO GUSTANDO (Classi 1^2^)

  • Stimolare i bambini ad assaggiare tutti gli alimenti;
  • Far esercitare i bambini al riconoscimento di frutta e ortaggi attraverso l’uso dei sensi;
  • Trasferire l’importanza della stagionalità

GNAMGNAM MONDO (Classe 4^)

  • Stimolare i bambini a curiosare tra i cibi che consumano, raccontandone la storia e scoprendone la provenienza;
  • Favorire la raccolta di informazioni utili al loro incontro con gli altri;
  • Scoprire ricette simili di paesi diversi

Contenuti

GIOCANDO GUSTANDO

Breve viaggio nel reparto ortofrutticolo del punto vendita alla scoperta dei cibi della natura e della loro provenienza. Giochi sensoriali per stimolare la curiosità di conoscere tutti gli alimenti a partire da frutta e ortaggi. Riflessione sull’importanza di consumare quotidianamente frutta e verdura, rispettando la loro stagionalità.

GNAMGNAM MONDO

Il cibo, con fantasia e creatività, diviene esperienza di vita, apprendimento di processi, valorizzazione del momento conviviale, ricerca, dono, aiuto e divertimento. Laboratorio pratico di cucina.

SNAK &CO.

Il percorso ha lo scopo di sviluppare nei partecipanti una scelta critica e consapevole nei confronti di merendine e snack. Analisi dei prodotti industriali, del loro packaging e della pubblicità che li circonda con lo scopo di motivare i ragazzi a prendere in considerazione scelte alimentari alternative e consapevoli, partendo dalle loro abitudini alimentari.

Tempi

2ore di intervento a scuola con esperti + laboratorio c/o ipermercato coop

Spazi

Aule supermercato coop- ipercoop

Risultati attesi e Modalità di verifica

Capacità di operare scelte consapevoli e mirate verso una scelta alimentare e stili di vita più equilibrata.

Materie interessate

scienze – tecnologia – convivenza civile – geografia – storia

Costi

mezzi di trasporto

 torna ad inizio pagina

 

Progetto “Continuità Biganzolo-Torchiedo”

PROGETTO CONTINUITÁ TORCHIEDO-BIGANZOLO a.s.2018/2019

SCUOLE COINVOLTE

Scuola dell’Infanzia di Biganzolo

Scuola Primaria “G. Rodari” di Torchiedo

DOCENTI REFERENTI

  • Scuola dell’Infanzia: Paola Spiniello
  • Scuola Primaria: Nives Cerutti

FINALITÁ

  • Accompagnare i bambini della scuola dell’Infanzia a conoscere la scuola Primaria.
  • Agevolare il passaggio degli alunni al successivo ordine di scuola e stimolare il senso di responsabilità, nei confronti dei compagni più piccoli.
  • Sviluppare negli alunni di entrambi gli ordini di scuola il desiderio, di comunicare ad altri, le proprie esperienze e conoscenze.
  • Promuovere relazioni interpersonali.
  • Favorire la condivisione di esperienze didattiche tra insegnanti dei due ordini di scuola utili alla conoscenza dei bambini.

OBIETTIVI

Per i docenti:

  • Collaborazione e condivisione tra i docenti.
  • Definizione dei traguardi formativi e dei prerequisiti della scuola dell’Infanzia/Primaria.

 

Per gli alunni della Scuola dell’Infanzia:

  • Conoscere gli spazi, gli ambienti e i materiali della Scuola Primaria.
  • Conoscere le maestre della nuova scuola.
  • Partecipare ad attività che promuovono l’apprendimento cooperativo tra pari.

 

Per gli alunni della Scuola Primaria:

  • Sperimentare e valutare il proprio senso di responsabilità.
  • Condividere esperienze, sviluppando lo spirito di collaborazione.
  • Promuovere il piacere della condivisione con compagni più piccoli.
  • Sviluppare capacità operative, organizzative, la capacità di saper presentare gli ambienti della propria scuola come luoghi ricchi di interesse e risorse

METODOLOGIA

ATTIVITÁ

Nel plesso dell’Infanzia:

  • Partecipazione ad attività didattiche, da parte dei docenti della primaria.
  • Osservazione delle dinamiche relazionali e di lavoro degli alunni.

Nel plesso della Primaria:

Sono previsti tre incontri:

  • Partecipazione, da parte di bambini dell’Infanzia, alla Castagnata di Ottobre organizzata nel giardino della scuola di Torchiedo (29 Ottobre 2018).
  • Visita, a maggio, da parte di bambini dell’Infanzia, e accompagnamento negli ambienti della scuola per conoscere le regole d’uso. Proposta di un’attività di educazione musicale.
  • Visita alla scuola dell’Infanzia, dell’insegnante Cerutti della scuola Primaria, per osservazioni durante le attività didattiche.
  • Presentazione del progetto “Piedibus”. I bambini dell’Infanzia vengono accolti, nel giorno della loro visita, alla fermata della Via delle coccinelle a Biganzolo e accompagnati nel plesso di Torchiedo.
  • Presentazione degli spazi e delle regole di convivenza e accompagnamento negli ambienti della scuola.
  • Presentazione dell’Inno della scuola, dono del testo, e collaborazione per la rappresentazione iconica della scuola di Torchiedo.

PERSONE COINVOLTE

  • Alunni della classe dei “grandi” della Scuola dell’Infanzia.
  • Alunni della classe 5^ della Scuola Primaria.
  • Docenti della classe dei grandi e della classe 5^.
  • Genitori dei futuri alunni per la presentazione della scuola e delle attività.

LUOGHI/SPAZI

  • Aula dei “Grandi” del plesso dell’Infanzia per osservazione.
  • Aula 1 della classe 5^ del plesso della Primaria.
  • Giardino, palestra, refettorio, aula d’informatica, bagni e corridoio della Scuola Primaria.

TEMPI

  • Ottobre: castagnata.
  • Dicembre: incontro di scuola aperta, con genitori dei nuovi alunni, per conoscenza e visita della Scuola Primaria.
  • Maggio: osservazione degli alunni dell’infanzia durante le attività didattiche (2 ore).
  • Maggio: visita nella nuova scuola, da parte degli alunni della Scuola dell’Infanzia e attività programmate.
  • Giugno: incontro dei docenti dei due ordini di scuola, per il passaggio delle informazioni dettagliate, relative agli alunni.

 torna ad inizio pagina

 

Progetto: “Continuità Scuola media Ranzoni”

SINCROGYM:

Le insegnanti di classe quinta in collaborazione con i professori della scuola media aderiscono al progetto sincrogym secondo le modalità indicate nel Pof, che prevede lezioni propedeutiche di preparazione nel corso dell’anno condotte seguendo le indicazioni dei giochi e delle attività pensate dalla scuola media dall’insegnante di classe. Verso maggio è previsto un incontro degli alunni di tutte le nostre scuole primarie di classe quinta per condividere l’esperienza dello sport preparato in palestra.

CANTO E MUSICA:

I docenti della scuola media, della sezione musicale, svolgeranno in classe quinta dieci incontri di circa un’ora ciascuno nei mesi di Ottobre, Novembre e Dicembre.

Verranno proposte varie attività: ascolto, canto, conoscenza degli strumenti musicali. che Le attività proposte saranno ripetute dall’insegnante di classe come rinforzo.

Il 12 dicembre gli alunni si recheranno al teatro sant’Anna, nel pomeriggio, per le prove con le classi medie abbinate e, dalle 17, per lo spettacolo con canti natalizi offerto ai genitori.

 torna ad inizio pagina

 

 

Progetto 8: “…”

breve descrizione … .

  torna ad inizio pagina

 

Progetto 9: “…”

breve descrizione … .

 torna ad inizio pagina

 

Progetto 10: “…”

breve descrizione … .

torna ad inizio pagina

Laboratori

 

Laboratorio: “taglia, cuci…crea”

Referenti di progetto

Ins. Cerutti Michela, Ciociano Maria Rosaria

Docenti coinvolti

Titolo. Docenti coinvolti: Cerutti Michela classe 4^ e Ciociano Maria Rosaria classe 1^

Esperti coinvolti Nessuno

Classi interessate: tutte le classi

OBIETTIVO GENERALE DI RIFERIMENTO

Progettare e costruire utilizzando materiale di recupero .

Finalità Formativa

Sensibilizzare gli alunni alla tutela ambientale educandoli al riciclo di vari materiali Socializzare attraverso il lavoro di gruppo cooperativo

Stimolare la creatività di ogni alunno attraverso il lavoro manuale

Obiettivi specifici

– Migliorare la capacità di attenzione e concentrazione.

– Saper realizzare un prodotto rispettando le sequenzialità delle varie fasi.

– Scegliere un carta modello per ritagliare con precisione la sagoma scelta.

– Valorizzare la fantasia e il gusto personale realizzando manufatti originali.

Contenuti

– Pupazzo di neve

– Calza della befana

– Animali di stoffa

– Spille e collanine di lana

– Grembiuli e/o presine

Tempi

Lunedì pomeriggio dalle ore 14.30 alle ore 16.30 (da novembre a maggio).

Spazi 

Aula

Modalità di verifica 

Elaborato finale

Discussioni e confronti in itinere

Cooperatività tra i bambini

Costi

nessuno

 torna ad inizio pagina

Laboratorio: “educazione alimentare”

Referente di progetto

Ins. BELLORINI SARA – ALOI RITA

Docenti coinvolti

Ins. Bellorini Sara Aloi Rita

Titolo

“CUCINA E FANTASIA”

Esperti coinvolti

STUDENTI DELL’ISTITUTO MAGGIA DI STRESA

Classi interessate

Due gruppi misti di alunni, alternati settimanalmente.

OBIETTIVO GENERALE DI RIFERIMENTO

Valorizzare la conoscenza degli alimenti e del loro utilizzo

Finalità Formativa

Rendersi consapevoli delle differenze tra alimentazione, nutrizione e valorizzare l’importanza del cibo.

Obiettivi specifici

  • Conoscere le proprietà di alcuni alimenti
  • Saperli utilizzare al fine di una corretta alimentazione
  • Distinzione tra nutrizione e alimentazione
  • Errori alimentari e problemi connessi con gli squilibri alimentari
  • Mantenere a tavola comportamenti corretti  (tempi adeguati, masticazione)
  • Ampliare la gamma dei cibi assunti come educazione al gusto
  • Conoscere le principali norme di igiene personale durante la manipolazione degli alimenti
  • Saper realizzare semplici manufatti
  • Saper collaborare con i compagni e le insegnanti
  • Utilizzare prodotti specifici in caso di intolleranze alimentari

Contenuti

  • Conoscenza di ricette della nostra tradizione e di culture diverse.
  • Giochi sensoriali con particolare riferimento a: tatto, odorato, gusto.
  • Riprese fotografiche.

Tempi

Lunedì pomeriggio dalle ore 14.30 alle ore 16.30 (da novembre a maggio).

Spazi 

Laboratorio multifunzionale, cucina. Solo le insegnanti utilizzeranno il forno e gli utensili ritenuti a rischio per i bambini. I prodotti preparati saranno portati a casa, sottoposti ai genitori i quali decideranno in merito alla consumazione.

Modalità di verifica 

In itinere attraverso l’osservazione sistematica

Precisazione

Vista la particolarità del progetto e le norme che regolano la produzione e il consumo degli alimenti in ambiente scolastico, si inviteranno i genitori degli alunni che frequenteranno il laboratorio di Ed. Alimentare alla compilazione della seguente autorizzazione:

 

Io sottoscritto/a……………………………………………………………………………… genitore

Dell’alunno/a……………………………………… di classe……….., consapevole che i prodotti preparati a scuola dovranno essere consumati a casa previo consenso dei genitori, autorizzo mio figlio/a a partecipare alle attività del Laboratorio di Ed. Alimentare.

 

Dichiaro le seguenti intolleranze alimentari o allergie: …………………………………………………

Firma ……………………………………………………….

torna ad inizio pagina

Laboratorio: “Pollice Verde”

Referente di progetto

Ins. Franzini Laura, Vera Cardoletti

Docenti coinvolti: Franzini Laura e Vera Cardoletti

Titolo: Pollice verde

Esperti coinvolti

Classi interessate: tutte le classi

OBIETTIVO GENERALE DI RIFERIMENTO

Progettare e costruire un percorso per conoscere la vita dei vegetali e il mondo della natura in generale.

Finalità Formativa

Strutturare un orto scolastico come strumento di educazione ecologica, potente e multiforme, capace di riconnettere gli alunni con le origini del cibo e della vita.

Obiettivi specifici

  • Educare al gusto e favorire una sana alimentazione
  • Promuovere il senso di responsabilità
  • Educare alla cura e al rispetto dell’ambiente per favorire uno sviluppo sostenibile

Contenuti

Classificazione e nomenclatura delle foglie e delle parti della pianta

Riproduzione della pianta

Impollinazione e Vita delle api

Classificazione dei semi

Erbe aromatiche

Coltivazione di alcuni ortaggi e loro impiego alimentare

Visite sul territorio (apicolture e Villa Taranto)

Tempi

Lunedì pomeriggio dalle ore 14.30 alle ore 16.30 (da novembre a maggio).

Spazi 

Aula e cortile della scuola

Uscite sul territorio

Aula informatica

Modalità di verifica 

Costi

nessuno

torna ad inizio pagina

Laboratorio: “cinema”

Referenti di progetto

Docenti: Nives Cerutti e Antonella De Nuzzo

Docenti coinvolti

Docenti: Nives Cerutti, Antonella De Nuzzo

Esperti esterni coinvolti

Regista Lorenzo Camocardi

Classi interessate

Due gruppi misti di alunni, alternati settimanalmente.

Obiettivo Generale di Riferimento

Progettare e realizzare un cortometraggio

Finalità Formativa

  • Acquisizione del concetto di sé e dell’altro (assumere ruoli diversi facilita la comprensione di punti di vista diversi)
  • Conoscenza del linguaggio filmico (oggi mezzo di comunicazione “emotiva” privilegiato)

Obiettivi Specifici

  • Analisi e creazione di una sceneggiatura (la lingua e il cinema: binomio inscindibile)
  • Acquisizione di semplici nozioni di recitazione (mimica facciale e gestuale, espressività corporea e linguistica)
  • Approccio alla metodologia del montaggio (con l’aiuto dell’esperto e del computer)

Contenuti

I docenti avranno cura di favorire la libera espressione e la creatività, presentando proposte che siano di stimolo per far emergere idee, sogni, bisogni. La metodologia più consona appare quella del lavoro di gruppo, considerando che vi sono alunni di tutte le classi.

Tempi

Lunedì pomeriggio dalle ore 14.30 alle ore 16.30 (da novembre a maggio).

Spazi

Aula n° 1 – Esterni (se necessario per girare in esterno)

Risultati attesi e Modalità di verifica

È prevista la realizzazione di alcuni cortometraggi che accertano l’applicazione delle tecniche acquisite e lo sviluppo di un argomento un argomento scelto: dal soggetto alla sceneggiatura, la stesura dei dialoghi e la scelta delle locations. Si avrà cura di coinvolgere gli alunni, in tutte le fasi del lavoro, utilizzando anche la tecnica “peer to peer”.

Materie interessate

Lingua italiana, arte, Storia, Cittadinanza e Costituzione e Convivenza Civile.

Costi

700 Euro comprensivi di Iva, per l’esperto esterno.

torna ad inizio pagina

Laboratorio: “bricolage”

Referente di progetto

Ins. Cione Alessia e Bottini Debora.

Docenti coinvolti

Ins. Cione Alessia e Bottini Debora.

Esperti coinvolti

Nessuno.

Classi interessate

Due gruppi misti di alunni, alternati settimanalmente.

Finalità Formativa

Educare alla creatività attraverso una manualità sempre più curata e tecnicamente appropriata.

Obiettivi specifici

  • Sviluppare la manualità e la motricità
  • Conoscere e saper applicare le diverse tecniche del bricolage.
  • Capacità di decorare oggetti di uso comune.
  • Saper utilizzare diversi materiali e acquisire l’uso di strumenti adatti alla loro lavorazione.
  • Saper adattare l’uso degli strumenti e del materiale all’oggetto più idoneo che si intende produrre.
  • Saper organizzarsi con precise sequenze operative.
  • Potenziare la propria autostima, attraverso il saper fare, rivolto alla creazione del proprio “capolavoro”.
  • Saper autogestirsi e chiedere aiuto, quando è necessario, nell’ambito delle varie attività.
  • Socializzare con i compagni in modo collaborativo e nel rispetto delle regole.

Contenuti

  • Realizzare e decorare calamite in pasta di sale.
  • Penna a fiore con utilizzo di cotone e lana.
  • Porta penne creato con materiale di riciclo.
  • Cornice decorativa.
  • Biglietti per varie ricorrenze.
  • Creazioni di oggetti con materiali diversi.

Tempi

Lunedì pomeriggio dalle ore 14.30 alle ore 16.30 (da novembre a maggio).

Spazi 

Aula 1

Modalità di verifica 

In itinere si valuteranno l’impegno, la partecipazione, la capacità di organizzare e finalizzare il proprio lavoro e la capacità di collaborare, apportando contributi significativi.

In itinere e finali. La mostra finale sarà un ulteriore riscontro della capacità realizzativa dei bambini.

torna ad inizio pagina




Link vai su